Associazione

L’AVIS è una Associazione privata che persegue scopi e finalità di pubblico interesse. AVIS vuol dire: Associazione Volontari Italiani del Sangue; è quindi una Associazione a carattere nazionale diffusa in tutta Italia.
L’ AVIS nasce negli anni ’20 dall’idea di un medico, il Dott. Vittorio Formentano che, con un primo gruppo di volontari, dà inizio a quella che diventerà poi la più numerosa Associazione di donatori di sangue sia in Italia che nel mondo. Al 31/12/2001 i soci AVIS iscritti sono 953.965 di cui 941.404 sono donatori con 1.558.502 donazioni.
Nel 1946 l’AVIS si costituisce con atto pubblico ed ottiene il riconoscimento giuridico con la legge n. 49 del 20 Febbraio 1950. La sede legale dell’Associazione è a Milano e attualmente gli uffici della Sede Nazionale sono collocati in via Livigno, 3.
L’AVIS ha un proprio Statuto ed un Regolamento di attuazione cui sono vincolati tutti gli aderenti. Tale Statuto è conforme alle disposizioni di legge sia in materia trasfusionale (legge 107 del 4 Maggio 1990) che in materia di volontariato (legge 266 del 11 agosto 1991). Inoltre con l’entrata in vigore del D.Lgs. 4/12/1997 n. 460 l’AVIS é diventata anche una ONLUS (Organizzazione non Lucrativa e di Utilità Sociale).
All’AVIS possono aderire gratuitamente sia coloro che donano volontariamente e anonimamente il proprio sangue e sia coloro che, pur non potendo per motivi di inidoneità fare la donazione, collaborano però gratuitamente a tutte le attività di promozione, proselitismo e organizzazione.
L’AVIS è una Associazione di volontari: volontari sono i donatori e volontari sono i suoi dirigenti. L’AVIS è quindi una Associazione che fonda la sua attività principalmente sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato quale elemento centrale e strumento insostituibile di solidarietà umana.
L’AVIS è presente su tutto il territorio nazionale con una struttura ben articolata, suddivisa in 3.032 sedi Comunali, 94 sedi Provinciali, 22 sedi Regionali e l’AVIS Nazionale, il cui organo principale è il Consiglio Nazionale. Sono inoltre attivi 773 Gruppi Avis, organizzati sopratutto nelle aziende, sia pubbliche che private, come ulteriore testimonianza della presenza associativa nel tessuto sociale. È una Associazione che non ammette alcuna discriminazione ed esclude qualsiasi fine di lucro.
L’AVIS infine partecipa, in regime di convenzione, con il Servizio Sanitario Nazionale alla raccolta del sangue con proprie strutture e personale.

L’AVIS a Senigallia

La sezione AVIS di Senigallia viene costituita il 18 giugno 1950 per opera del dott. Alberto Mauri, allora primario medico dell’Ospedale di Senigallia, del prof.Americo Pirani chirurgo dello stesso ospedale e dei suoi collaboratori Dott. Loris Baldelli e dott. Giuseppe Francucci. La nascita dell’associazione di volontari della donazione del sangue arriva nella nostra regione anche grazie ad azioni di sensibilizzazione prodotte dall’AVIS di Ancona fondata nel 1927 dal prof. Lorenzo Cappelli e da altri illustri sostenitori della donazione come il prof. Gualfardo Tonnini che con il loro entusiasmo seppero coinvolgere colleghi e cittadini nel seguire la via della più nobile delle offerte permettendo così la nascita di altre consorelle marchigiane.

 

Nel 1958, insieme all’associazione Mutilati e invalidi di Guerra, venne edificata la sede sociale di via Rossini nell’area presso la Fonte del Coppo, concessa gratuitamente dal Comune di Senigallia con delibera del 16 novembre 1956. Il 7 settembre 1958 venne inaugurata la nuova sede. L’invito alle autorità fu esteso anche al prof. Formentano fondatore dell’AVIS